In Evidenza Dettagli

LIBRO NOVO nel qual s’insegna a far d’ogni sorte di vivande secondo la diversità de i tempi così di carne come di pesce

16.00

Categoria: Product ID: 683

Descrizione

Cristoforo di Messisbugo era provveditore ducale alla corte Estense di Ferrara dai primi decenni del ‘500.
A differenza di buona parte degli autori di ricettati culinari medioevali e rinascimentali, Cristoforo di Messisbugo non era un cuoco professionista ma “scalco ducale” (addetto al taglio della carne), nonché l’economo dispensiere che controllava anche finanziariamente l’attività della corte.
Questo è uno dei due importanti ricettari che scrisse, riprodotto nella versione anastatica originale del libro antico cinquecentesco.
Pubblicato postumo nel 1557 a Venezia, il ricettario contiene la prima citazione conosciuta della preparazione del caviale di storione beluga ferrarese. Va tenuto presente che allora gli storioni selvaggi abbondavano nel Po, circostanza che si può anche dedurre dalle quantità di storione e caviale che Messisbugo narra di avere usato in diversi banchetti. Questa preparazione di caviale resterà famosa a Ferrara fino alla metà del XX sec., quando ancora si pescava lo storione nel Po e si poteva gustare il caviale prodotto con l’antico procedimento artigianale utilizzato nella celebre bottega della Nuta, e poi della Bianconi, che sorgeva in via Mazzini a Ferrara fino al 1972.

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo.
I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente
i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.